Home Chi siamo Contatti Cerca nel sito istituti associati enti collegati

Attività scientifica e culturale

Centro di documentazione

Le riviste

Didattica

VESTIGNANO di CALDAROLA

Dal piccolissimo centro di Vestignano si controlla in modo strategico tutta la valle che scende fino a Caldarola. Proprio a Vestignano, nel Castello Maraviglia, la prima settimana di dicembre 1943 si incontrarono alcuni noti antifascisti: l’ing. Luigi Pisani, Aldo Buscalferri, i figli Toto e Fedro e altri giovani della zona. In quella riunione nacque il “Gruppo di azione garibaldina - G.A.G” che, nel corso dei mesi successivi, partecipò a varie azioni di disturbo e sabotaggio, all’apertura dei silos e alla conseguente distribuzione di grano alla popolazione.

Nel febbraio 1944, per iniziativa del CLN regionale e di quello di Macerata fu creato il Comando del IV Settore Montano, con l’obbiettivo di risolvere problemi di carattere logistico, militare e amministrativo. Entrarono a farvi parte anche Aldo Buscalferri e l’ing. Pisani il quale, addirittura, lasciò che la propria casa divenisse sede del Comando. Parte degli uomini che lo costituivano risiedevano in modo permanente a Vestignano, dove disponevano di una ricetrasmittente grazie alla quale erano in contatto con il Comando Alleato di Bari.

La strada principale di Vestignano passa all’interno del paese e al numero civico 50 si trova un’abitazione che ha ancora accanto il vecchio forno nel quale, la mattina del 22 marzo, in fuga da Montalto e dai nazifascisti, si erano nascosti tre giovani: Mario Ramundo, Guidobaldo Orizi e Lauro Cappellacci. Traditi dalle orme lasciate sulla neve furono lì trucidati. Sul muro della casa si trovano le lapidi che ricordano l’episodio e il nome dei giovani. Verso la fine del paese c’è un altro monumento in memoria del quarto ragazzo ucciso quel giorno, Nicola Peramezza.
 

Bibliografia
Associazione Giovanile ≪Exclesior≫ San Francesco, La tragedia di Montalto. Simbolo di libertà e giustizia del racconto del superstite Nello Salvatori 22 marzo 1944, Tolentino 1945.
AA.VV., Tolentino e la resistenza nel Maceratese, Accademia Filelfica, Tolentino 1964.
G. Boccanera, Sono passati i tedeschi. Episodi di guerra nel Camerinese, ristampa a cura dell’Università degli studi, Camerino 1994.
E. Calcaterra, (a cura di), Noi c’eravamo, 22 marzo 1944. L’eccidio di Montalto nelle fonti essenziali, 1944-1964, Istituto editoriale europeo, Tolentino 1989.
-Queste mura cadranno. Uomini, storie e memorie del ’44, ANPI Tolentino e Comune di Tolentino, Tolentino 1990.
-Anime belle anime perse. La generazione degli antieroi, ANPI e Comune di Tolentino, Tolentino 1991.
R. Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008.
L. Pasquini, N. Re (a cura di), I luoghi della memoria. Itinerari della Resistenza marchigiana, Il lavoro editoriale, Ancona 2007.
 

Genera pagina pdf