Home Chi siamo Contatti Cerca nel sito istituti associati enti collegati

Attività scientifica e culturale

Centro di documentazione

Le riviste

Didattica

SERRA SAN QUIRICO

A Serra San Quirico orbitava il gruppo Piero, conosciuto anche come “Porcarella”. Il gruppo era nato sotto la spinta di Goffredo Lucarini, antifascista di vecchia data che era stato incaricato già alla fine del mese di settembre dall’Ing. Gino Tommasi, detto Annibale di organizzare la lotta partigiana; cosa che egli fece insieme ad Augusto Filippi e altri. A fine ottobre, la formazione accresciuta con l’arrivo di ex prigionieri, soldati sbandati e antifascisti di Jesi e di altri paesi, si spostò a Poggio San Romualdo.

Tra i nuovi arrivi c’era Piero Boccacci, sottufficiale di marina, di origine genovese ma sposato in Ancona, che aveva la famiglia sfollata a Serra San Quirico. Egli divenne il comandante del gruppo, che in gennaio usufruì di un lancio degli alleati sulle piane di Poggio San Romualdo e fu rifornito di armi modernissime. Proprio quel tipo di armamentario contribuì nella riuscita dell’azione di Albacina, che ebbe vasta risonanza in tutta la Provincia.

Il 29 febbraio alle ore 20.40 alcuni partigiani fecero saltare due piloni della corrente elettrica ad alto potenziale in località S. Elena di Serra San Quirico. Nuovamente il 15 marzo un gruppo di partigiani fece saltare con la dinamite nella stessa località sei tralicci della linea elettrica e un breve tratto di rotaia ferroviaria all’interno della galleria “La Rossa”. Ciò provocò il deragliamento di un treno merci, ma non ci furono vittime (Giacomini, 2008 p.214-215).

Il 24 marzo 1944 perse la vita per pura casualità e crudeltà Amedeo Gentili, di soli 16 anni. Era molto alto per la sua età e per questo motivo venne scambiato per un renitente alla leva. Quando i fascisti arrivarono a Serra San Quirico lo videro da lontano e gli spararono prendendo la mira “come a un celletto”. Morì nelle braccia del padre all’ospedale di Montecarotto (Giacomini, 2008 p.301).

Serra San Quirico fu liberata il 20 luglio, lo stesso giorno di Cupramontana e Staffolo.

 

Bibliografia
AA.VV., Tolentino e la resistenza nel Maceratese, Accademia Filelfica, Tolentino 1964.
Comitato comunale per le celebrazioni del 50° anniversario della Liberazione (a cura di), Pagine di guerra e di speranza, Amministrazione Comunale, Serra San Quirico stampa 1995.
R. Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008.
 

Genera pagina pdf